Vai menu di sezione

Anagrafe canina

Anagrafe canina

Informazioni per il cittadino

L’anagrafe provinciale degli animali d’affezione è la banca dati che raccoglie le informazioni sui cani, gatti e furetti che vivono in provincia di Trento. Nell’anagrafe gli animali sono registrati con il numero di microchip o il tatuaggio e con i dati anagrafici dei proprietari. I dati registrati servono per rintracciare il proprietario di un cane smarrito e per la prevenzione di malattie trasmissibili all’uomo. Per questo è importante che tutte le variazioni siano registrate nell’anagrafe, come ad esempio il nuovo proprietario, i cambi di residenza, un nuovo numero di telefono, lo smarrimento, il ritrovamento o la morte del cane.

Iscrizione all’anagrafe degli animali d’affezione

Il proprietario di un cane deve iscrivere il proprio animale all’anagrafe provinciale degli animali d’affezione entro sessanta giorni dalla nascita o entro trenta giorni da quando ne viene in possesso. Per l’identificazione e l’iscrizione dell’animale all’anagrafe il proprietario può rivolgersi al servizio veterinario dell’APSS o ad un veterinario libero professionista convenzionato.

L’iscrizione all’anagrafe di gatti e furetti è obbligatoria solo nel caso sia richiesto il rilascio del passaporto europeo per la movimentazione degli animali fra i Paesi dell’UE.

Variazioni e cancellazione dell’iscrizione all’anagrafe degli animali d’affezione

Il proprietario deve comunicare al servizio veterinario dell’APSS la cessione, il cambio di residenza dell’animale entro 30 giorni dall’evento mentre l’eventuale smarrimento deve essere comunicato entro 3 giorni. Il decesso dell’animale deve essere comunicato al servizio veterinario dell’APSS o al veterinario libero professionista convenzionato.

Trasferimento da fuori provincia

Il proprietario di un cane già identificato e registrato all’anagrafe di un’altra Regione/Provincia, che si trasferisce in provincia di Trento, deve iscrivere il proprio cane nell’anagrafe provinciale entro 30 giorni dal trasferimento, rivolgendosi al servizio veterinario dell’APSS.

Le comunicazioni relative alla cessione, alla scomparsa, alla morte del cane o al cambiamento di residenza sono effettuate mediante compilazione del’apposito modulo

 Scheda_Iscrizione_Variazione anagrafe canina.pdf 281,80 kB

Avvelenamenti: conoscerli per proteggere i nostri animali e noi stessi

La presenza di veleni e sostanze tossiche rinvenuti sul territorio rappresenta un serio rischio per la popolazione umana, per gli animali domestici e selvatici oltre che per l’ambiente. Il fenomeno dello spargimento di esche e bocconi avvelenati, contrastato grazie anche all'adozione delle misure contemplate dalle Ordinanze ministeriali, persiste con la conseguente necessità di mantenere alta l’attenzione nei confronti di questo odioso fenomeno.

Gli avvelenamenti non sono necessariamente sempre di natura dolosa, ma possono anche essere di natura accidentale come nel caso, ad esempio, della metaldeide, comune lumachicida impiegato in orti e giardini che provoca comunque pericolose conseguenze sulla salute degli animali.

Nell'ambito del tavolo di coordinamento per il monitoraggio della problematica degli avvelenamenti e per la gestione degli interventi da effettuare per contrastarla, istituito e convocato dal Commissario del Governo della provincia di Trento, è emersa la necessità di fornire ai cittadini informazioni scientificamente rigorose sull'argomento, con un linguaggio semplice e comprensibile a tutti in modo chiaro ed esaustivo.

L’Amministrazione provinciale, con la collaborazione dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie e dell’Azienda provinciale per i servizi sanitari, ha predisposto quindi la presente pubblicazione che contiene chiare indicazioni sul fenomeno degli avvelenamenti, sulle sostanze tossiche più frequentemente utilizzate e sulle modalità operative da adottare in caso di sospetto avvelenamento di un animale e/o di rinvenimento di esche e bocconi sospetti.

Con la presente pubblicazione si vuole altresì rendere i cittadini maggiormente consapevoli delle problematiche sanitarie e ambientali che interessano il territorio provinciale al fine di contrastare tale fenomeno e sensibilizzare circa i potenziali pericoli.

  • brochure in materia di esche e bocconi avvelenati - pubblicazione 2019: PAT-Istituto Zooprofilattico sperimentale delle Venezie-APSS
torna all'inizio del contenuto
Pubblicato il: Martedì, 16 Giugno 2015 - Ultima modifica: Martedì, 26 Novembre 2019

Valuta questo sito

torna all'inizio del contenuto